Bella & Bestia – Una favola steampunk, di Elena Mandolini

Buon pomeriggio e buon martedì a tutti i lettori di Bibliotefantasy.
Sembra ieri che ho pubblicato la mia ultima recensione e invece è passato più di un mese! A dire il vero, questa pausa è stata più forzata che voluta e sinceramente non mi ero nemmeno resa conto che fosse passato così tanto tempo. Non credo che nel mese di agosto riuscirò a recuperare granché, ma ci tenevo a pubblicare la recensione di oggi dato che si tratta di un libro che ho ricevuto circa due mesi fa!

Oggi vi parlerò di Bella & Bestia – Una favola steampunk, che l’autrice, Elena Mandolini mi ha gentilmente inviato (e ne approfitto per scusarmi per la lunga attesa).
Come si intuisce dal titolo, il romanzo è una rivisitazione della celebre fiaba La bella e la bestia. Tuttavia, dimenticate le atmosfere romantiche dell’originale e non aspettatevi una protagonista altrettanto docile e accondiscendente; questa versione della storia è dominata da macchine da guerra, armi di distruzione di massa e intrighi politici. E l’amore? Sì, c’è anche quello. Ma andiamo con ordine.

Grechina Divider

Scheda
Titolo originale: Bella & Bestia – Una favola steampunk
Autore: Elena Mandolini
Genere: Fantasy / Steampunk
Numero di pagine: 304
Prima pubblicazione: 2018
Editore: Dario Abate Editore
Lingua originale: Italiano

Compra su Amazon: Bella & Bestia – Una favola steampunk

Grechina Divider

Trama

Dopo una guerra devastante, l’Europa ne è uscita completamente sconvolta. Gli antichi stati non esistono più e al loro posto sono sorti nuovi regni in equilibrio molto precario. Re Armand, del regno di Anthea, brama i  territori del nord e per ottenerli non disdegna di promettere in sposa la sua unica figlia, Bella, al principe Philippe De Coubertin, detto la Bestia a causa del suo aspetto spaventoso e della sua rinomata crudeltà.
In un’Europa dominata da mostri di acciaio e vapore, Bella si troverà a scoprire l’amore, ma anche il vero volto della crudeltà.

Steampunk Airship

L’aeronave era apparentemente immobile.
Sospesa a pochi centimetri da terra.
Se la si osservava con attenzione, però, si potevano scorgere dei delicati movimenti in linea verticale, segno che era in attesa. Aspettava il suo signore, Philippe De Coubertin, tornasse per dare nuovi ordini.

(Incipit)

Sebbene i nomi dei personaggi richiamino quelli della celebre fiaba, la trama del romanzo di Elena Mandolini prende strade diverse, che solo di tanto in tanto percorrono in parallelo quelle della trama originale.
Mirabelle, detta Bella, figlia di re Armand D’Ormesson, viene promessa in sposa a Philippe de Coubertin, un monarca sanguinario conosciuto come la Bestia. Sebbene Bella sia più che reticente, finisce con l’accettare. Re Armand, infatti, la sta mandando a Nesea con una missione ben precisa: uccidere la Bestia. L’assassino della madre di Bella.
Insieme al fidato attendente Savo e all’ancella Yolène, Bella si ritroverà in un Paese estraneo, lontana dai suoi affetti. Ma più tempo Bella passa con la Bestia, più sente il proprio cuore vacillare. Possibile che quella creatura dall’aria malinconica, ormai metà uomo e metà macchina, possa essere quel pazzo sanguinario di cui parlano le leggende?

Bella & Bestia è un romanzo ucronico. L’Europa che fa da sfondo alla storia è molto diversa dalla nostra. Una guerra devastante ha sconvolto il continente e ne ha cambiato completamente i connotati. Sebbene non ci sia dato sapere quando, come e perché si sia svolta questa guerra, ne vediamo gli effetti: ci troviamo di fronte a un’Europa che ha dimenticato concetti quali la democrazia, la libertà e i diritti umani. I regni sono dominati da uomini avidi, arrabbiati, che fanno della crudeltà quasi un vanto. Poco o nulla ormai rimane della Aetas Ante Bellum, l’epoca pre-guerra.
In questa ambientazione si svolge la storia di Bella & Bestia che si svolge su un terreno dominato da aeronavi e marchingegni alimentati a vapore.  Steampunk, appunto. L’idea mi piace tantissimo, sebbene mi sarebbe piaciuto una maggiore immersione nell’ambientazione. Ad esempio, ho trovato le descrizioni delle città un po’ troppo frettolose e in questi casi le caratteristiche steampunk relegate sullo sfondo.

Al di là di questo, fin dal prologo capiamo che Bella & Bestia è una storia molto più “adulta” della fiaba che siamo abituati a conoscere.
Come accadeva in Biancaneve Zombie, qui la cattiveria è vera cattiveria e le sue conseguenze non risparmiano niente e nessuno. La protagonista si trova a muoversi in un mondo molto più grande di lei e capace delle nefandezze più efferate.
E’ un mondo duro, dove non si può mai esser certi che i “buoni” ne escano incolumi o addirittura vivi.

Steampunk Bandit

I Personaggi

Nella fiaba classica, la Bestia era un principe arrogante che veniva trasformato in un essere mostruoso da una strega, dopo che lui si era rifiutato di darle accoglienza. In Bella & Bestia capiamo subito che la situazione è differente.
Il principe Philippe De Coubertin è famigerato per la sua crudeltà nei confronti dei nemici. Avido di potere come di sesso, si concede entrambe le cose senza inibizioni e senza remore, in un connubio di sangue e piacere senza limiti. Poi, l’attentato. Il suo corpo subisce mutazioni e mutilazioni che gli conferiscono definitivamente il suo appellativo. Bestia nell’aspetto, oltre che nell’animo.
Questo, almeno, è quello che vediamo nel prologo. Successivamente, grazie allo sguardo di Bella, scopriamo un personaggio molto più complesso, sfaccettato e umano.

Principessa orfana di madre, Bella è stata cresciuta dal padre come fosse un uomo. Ella ha quindi imparato a combattere, a sparare e a ragionare con la propria testa. Niente a che vedere con la Bella della fiaba, che accettava passivamente di essere spedita a casa della Bestia.
Pur essendo decisa e sicura di sé, Bella non è ancora del tutto donna. Guarda il mondo con occhi disincantati, eppure ancora soggetti a quella confusione e a quell’innocenza tipica della sua giovane età. Un’innocenza che è il suo punto di forza, che le permette di guardare oltre all’apparenza, ma che è anche il suo punto debole, dato che le impedisce di vedere quella verità che può sconvolgere il suo mondo e la sua identità.

Re Armand D’Orbesson, padre di Bella, è molto più simile agli uomini di potere del nostro mondo di quanto mi piacerebbe ammettere. Ambizioso, scaltro, doppiogiochista… sembra che per lui il potere sia il suo unico scopo di vita, la sua unica famiglia.

Steampunk Lady

Lo stile

Scritto successivamente a Biancaneve Zombie, Bella & Bestia riporta uno stile ancora un po’ acerbo; ho trovato ancora parecchie scene raccontate, invece di essere mostrate e salti di punti di vista da un personaggio all’altro nel corso della stessa scena. Tuttavia è uno stile molto scorrevole e ho trovato dei miglioramenti. L’infodump è limitato e ci sono scene, soprattutto quelle di azione, in cui il mostrato prende il sopravvento sul raccontato; non a caso sono quelle che ho preferito.
Un esempio spoiler-free:

La sostanza corrosiva attaccò i corpi al di sotto della corazza. La pelle produsse piccole e orribili bolle piene di acqua e sangue che man mano esplodevano rilasciando ulteriore liquido corrosivo; la carne sembrava divorata dall’interno. Le fiamme si placarono solo quando rimasero i resti dell’armatura liquefatta attorno allo scheletro dei tre guerrieri.

Consiglio all’autrice di proseguire per questa strada e affinare ancora di più le tecniche narrative. In questo modo i lettori potranno immergersi pienamente nelle sue storie e nei mondi fantastici che riesce a creare.

Città Steampunk

Al di là di errori stilistici e qualche cliché, consiglio la lettura di Bella & Bestia a chi cerca un fantasy con un’ambientazione diversa, lontana dal solito mondo medievaleggiante. Anche chi ha amato la fiaba originale non potrà non apprezzare la cocciutaggine e il coraggio di questa Bella più moderna. In questo romanzo troverà una storia d’amore ironica inframmezzata da azione, avventura e sì, anche un pizzico di brutalità. Caratteristica, quest’ultima, che non è mai gratuita ma, anzi, perfettamente funzionale alla storia.

Voto complessivo: Tre stelle e mezzo Ottimo lavoro

Link alla pagina Facebook di Elena Mandolini


Compra su Amazon Bella & Bestia – Una favola steampunk

2 pensieri su “Bella & Bestia – Una favola steampunk, di Elena Mandolini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...