5 film che ci ricordano di amare i nostri nonni

Buongiorno a tutti/e.

Se non si fosse capito, il 2020 non è iniziato esattamente nel migliore dei modi (è un eufemismo, lo so, ma scrivere “anno di m***a” mi pareva brutto). Del resto, si sa: anno bisesto, anno funesto.
In piena emergenza Covid-19, siamo subissati e bombardati da informazioni continue, spesso contrastanti tra loro. Ormai sembra che l’Italia (e non solo) sia divisa in due fazioni: i difensori del #iorestoacasa e gli irriducibili del #iomenefrego.
Personalmente, io faccio parte con orgoglio del primo gruppo e colgo l’occasione per ribadirlo in maniera chiara e inequivocabile.

Io resto a casa Locandina

Questo perché, come ormai è stato ribadito più e più volte, sono proprio le persone più fragili a essere in pericolo, ovvero persone col sistema immunitario compromesso e anziani. Quello che molti non sembrano capire (soprattutto tra i più giovani) è che tra questi ultimi ci sono i nostri nonni, i nostri genitori e tante altre persone care.
Sono stata giovanissima anch’io, perciò mi rendo conto che spesso il rapporto tra generazioni non è facile. Ma avendo perso tutti i miei nonni, posso dire che darei non so cosa per poterli riavere indietro e oggi farei qualunque sacrificio per il loro bene.

Per questo motivo, dato che siamo comunque tenuti a rimanere a casa, ho pensato di dedicare un post speciale a film che ricordano quanto siano preziosi i nonni e, in generale, le persone dai capelli argentati. Sono la nostra memoria e un mondo senza memoria è un mondo destinato a non avere futuro.

1 Coco, di Lee Unkrich e Adrian Molina

Miguel e abuelita

Tempo fa ne avevo fatto la recensione (qui) e sono ancora convinta che questo film Disney -Pixar sia uno dei più belli in assoluto.
Una storia toccante che, come poche altre, riesce a mostrare l’importanza della memoria e della famiglia, specie dei parenti più anziani. Come Miguel, dovremmo imparare a stare più vicini ai nostri nonni, per avere per sempre nel cuore il loro ricordo, quando non ci saranno più.

2. La storia fantastica, di Rob Reiner

Il nonno e il nipotino

Il film è un po’ datato e da tempo è entrato a far parte della tradizione natalizia, ma per quel che mi riguarda è un piccolo gioiello che si può godere in ogni periodo dell’anno. E’ una fiaba leggera e divertente, che racchiude in sé l’ingenuità e la freschezza dei film fantasy degli anni ’80.
Protagoniste sono le avventure della coraggiosa principessa Bottondoro e del suo amato Westley, tra giganti, principi crudeli, e briganti dall’accento siciliano.
La storia è raccontata da un nonno al nipotino, costretto in casa dall’influenza. Un nonno che forse non sarà molto al passo coi tempi, ma crede ancora nel potere dei libri e che una bella storia sia sempre più potente della tv e dei videogiochi.

(Nota che non c’entra nulla: dopo decenni, scopro adesso che l’interprete di Inigo Montoya è lo stesso attore che interpreta Jason Gideon di Criminal Minds! O_O La mia vita non sarà più la stessa! XD)

3. La fabbrica di cioccolato, di Tim Burton

Charlie, nonno Joe e nonna Josephine

La storia la conosciamo praticamente tutti. Il piccolo Charlie viene da una famiglia molto povera, ma anche molto unita. La casetta di mamma e papà è piccolissima e devono condividerla con tutti e quattro i nonni, i quali vivono costantemente sdraiati nello stesso letto.
E’ proprio l’amore discreto e incondizionato dei nonni (oltre a quello dei genitori) a insegnare a Charlie il valore del rispetto e dell’umiltà. E sappiamo bene quanto questo ha cambiato il destino suo e di tutta la famiglia.

4. Up, di Pete Docter

Up-pixar

Il film inizia con una delle storie d’amore più tenere e struggenti di sempre. Quando per l’anziano Carl Fredricksen sembra la vita non possa riservare più che solitudine, si trova a vivere una fantastica avventura con Russel, un bambino che condivide la sua stessa passione di gioventù: l’esplorazione.
Una storia che aiuta a capire che non si è mai troppo vecchi per continuare a sognare e che non è mai troppo tardi per ritrovare la voglia di affrontare questa fantastica avventura che è la vita.

5. Il castello errante di Howl, di Hayao Miyazaki

Sophie anziana allo specchio

D’accordo, Sophie non è una vera e propria anziana; viene infatti trasformata in una vecchietta dalla Strega delle Lande.
Ma cosa succede quando ci si scopre in un corpo diverso, più fragile, quando ci si rende conto di essere incapaci di fare movimenti a cui eravamo abituati e a sentire doloretti e scricchiolii ovunque? Proviamo a immaginare di trovarci in una situazione simile e ricordiamo che, per viverla davvero, dovremo solo aspettare qualche anno! XD.

Grechina Divider

Ecco quindi cinque film perfetti per questo periodo da trascorrere in casa. Naturalmente, quando si parla di soggetti fragili non si intendono solo gli ultra sessantenni, ma anche persone molto più giovani immunodepresse o con patologie particolari; anche loro non vanno dimenticati.
Basta un po’ di attenzione, un minimo di senso civico e presto usciremo da questa situazione surreale.
E un giorno, quando saremo noi i “vecchi”, avremo qualcosa da raccontare ai nostri nipotini.

 

8 pensieri su “5 film che ci ricordano di amare i nostri nonni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...