Le 13 vite e mezzo del capitano Orso Blu Copertina

[Romanzo] Le tredici vite e mezzo del Capitano Orso Blu, di Walter Moers

Difficilmente mi è capitato di trovare romanzi che fossero avventurosi, divertenti e ricchi di fantasia a ogni pagina; Le 13 vite e ½ del Capitano Orso Blu è decisamente uno di queste rarità.
In circa 700 pagine di libro si trova una tale quantità di creature e situazioni bizzarre e originali, come non se ne trovano in intere saghe tutte assieme. E questo è solo il primo di una serie di romanzi ambientati nel magico continente di Zamonia.

Continua a leggere “[Romanzo] Le tredici vite e mezzo del Capitano Orso Blu, di Walter Moers”

Annunci
Recensione Babadook copertina

[Film] Babadook, di Jennifer Kent

Babadook è la storia di un mostro.
Un mostro terrificante, che nella notte vaga per le stanze di una vecchia casa, di quelle fatte di legno, che scricchiolano a ogni sospiro del vento. Un mostro che emette versi agghiaccianti, terrorizzando a morte chiunque abbia la sfortuna di abitare in quella casa.
Questo mostro si chiama Samuel e ha sei anni.

Continua a leggere “[Film] Babadook, di Jennifer Kent”

Tag post Copertina

[Tag] #Olibriadi – I libri più belli del 2017

Buongiorno e buon fine settimana a tutti/e.

Il 2018 è appena iniziato e sono già indietro con la tabella di marcia dei libri da leggere; cominciamo bene! A mia discolpa devo dire che nonostante gli impegni mi sono buttata subito su dei tomi con più di 600 pagine l’uno, giusto per rimanere leggera, come se cotechini e zamponi delle feste non fossero stati già pesanti a sufficienza.

Tuttavia sono pronta per partire con sprint e speriamo che non faccia come al solito e che non crolli già dopo la fine di gennaio! 😀

 Questo post, tuttavia, non sarà dedicato ai libri del 2018, ma a quelli dell’anno passato, o meglio, i tre libri preferiti del 2017. Nasce infatti in risposta al tag ideato da Il Salotto Irriverente e D.A.vide Digital Art chiamato le Olibriadi, per il quale ho ricevuto la nomina da La Siepe di More (nonché primo tag di Bibliotefantasy. Grazie, Baylee!).

Olibriadi Il salotto irriverente D.A.VIDE Digital Art

Continua a leggere “[Tag] #Olibriadi – I libri più belli del 2017”

Recensione Coco Copertina

[Film] Coco, di Lee Unkrich e Adrian Molina

Può un film spiegare ai bambini la morte eppure allo stesso tempo essere un meraviglioso inno alla vita e alla memoria? Può, può. E quando si parla di Disney Pixar, ormai non dovrebbe più nemmeno stupire, dato il numero di capolavori a cui ci ha già abituato. Invece, ogni volta ci si ritrova con un film ancora più bello del precedente, ancora più commovente e ancora più entusiasmante.
Coco, da poco uscito nelle sale italiane, riesce in tutto questo. In nemmeno due ore.

Continua a leggere “[Film] Coco, di Lee Unkrich e Adrian Molina”

Pensieri sotto la doccia copertina

La dura vita di noi frignoni

Qualche giorno fa, sotto il getto dell’acqua, tra una lavata di ascella e l’altra, mi è capitato di ripensare ai tempi in cui avevo la fissa per i drama giapponesi.
Tra i tanti drama che mi sono scaricata procurata, ce n’è uno che mi è rimasto impresso: Kamisama mou sukoshi dake (Taduzione: Dio, ti prego, dammi un po’ più di tempo).
Come si intuisce già dal titolo, la storia è drammatica ed emotivamente impegnativa.

Continua a leggere “La dura vita di noi frignoni”

Date da segnare copertina

[Film] Il ragazzo invisibile Seconda Generazione, di Gabriele Salvatores

Esce oggi nelle sale il sequel del fortunato film Il ragazzo invisibile, del 2014.
Come per il primo capitolo, torna a dirigere Gabriele Salvatores e troviamo tra gli interpreti il giovane Ludovico Girardello (che interpreta il protagonista, Michele Silenzi) e Valeria Golino (la mamma Giovanna).

Continua a leggere “[Film] Il ragazzo invisibile Seconda Generazione, di Gabriele Salvatores”

Recensione Cristalli Sognanti Copertina

[Romanzo] Cristalli Sognanti, di Theodore Sturgeon

Inizio il 2018 con la recensione di questo romanzo di fantascienza datato 1950.
Di solito non seguo un criterio per i libri che leggo; lascio che a guidarmi siano l’ispirazione del momento e le sensazioni che mi suscitano le quarte di copertina o gli incipit dei libri stessi. Per questo motivo posso trovarmi a leggere un romanzo romantico di Jane Austen e subito dopo un horror di Stephen King (spesso anche nello stesso periodo. Difficilmente leggo solo un libro alla volta). E’ un po’ come se entrassi in biblioteca (o in una libreria) e le dicessi “Vediamo cosa mi regali, oggi. Stupiscimi!”.
Una delle gemme che la biblioteca mi ha regalato di recente, è Cristalli Sognanti, di Theodore Sturgeon.
Continua a leggere “[Romanzo] Cristalli Sognanti, di Theodore Sturgeon”

Lista dei desideri per il 2018 e auguri

Ridendo e scherzando siamo davvero giunti alla fine del 2017.
Sembra solo ieri che stavamo boccheggiando per il caldo inclemente del perfido Lucifero, implorando per un po’ di frescura. E oggi siamo già qui a temere la neve.
Non per fare la solita retorica da “vecchietti”, ma davvero il tempo vola!
Il problema è che spesso sembra proprio scivolarci dalle mani e ci si ritrova con un anno in più sul groppone a chiederci cosa ne è stato dei propositi che avevamo fatto all’inizio dell’anno uscente.
Alcuni degli obiettivi si portano a termine, altri finiscono nella gora dell’eterno “e anche quest’anno lo facciamo l’anno prossimo”. Ma alla fine, che importa? L’importante è avere sempre nuovi sogni e nuovi obiettivi da raggiungere. E’ proprio questo che ci mantiene vivi e ci spinge ad alzarci ogni mattina dal letto, no?

Continua a leggere “Lista dei desideri per il 2018 e auguri”

Recensione Bright copertina

[Film] Bright, di David Ayer

Cosa c’è di così speciale nel fantasy? Spesso gli appassionati di fantasy si sentono rivolgere questa domanda dai babbani non amanti del genere.

Per quel che mi riguarda, la risposta è sempre più o meno la stessa: perché è una delle massime espressioni della creatività umana, perché apre le porte a mondi diversi, originali e a possibilità inesplorate. Non è una fuga dalla realtà, più che altro un modo per esplorare diverse forme di realtà e attraverso di esse, capire un po’ di più la nostra.
«Davvero?» Chiede il profano guardandomi perplesso, «Per me il fantasy è sempre la stessa solfa: orchi (o troll) stupidi, elfi bellissimi, principesse da salvare, un signore oscuro da fermare, un oggetto magico da trovare/distruggere/proteggere. Dov’è tutta questa originalità?»
«Ma questi sono solo stereotipi!» Rispondo io indignata, manco mi avessero offeso la nonna. «Il fantasy è molto più di questo. Basta guardarsi un po’ attorno».

Del resto, negli ultimi anni il fantasy sta spopolando. Siamo lontani da quei tempi bui in cui il nostro genere preferito era relegato agli antri ammuffiti delle librerie, considerato una robetta per bambini, sfigati e scemi (spesso tutte e tre le cose assieme).
Oggi i produttori televisivi e cinematografici per il fantasy sono disposti a sborsare fior fior di soldoni.Con questi investimenti, produrranno sicuramente dei film fantastici, spettacolari e, dato che sono destinati al grande pubblico, sempre più originali, no?

Proprio di recente mamma Netflix ha sborsato ben 90 (novanta) milioni di dollari per un film fantasy intitolato Bright. Uscito in questi giorni sulla piattaforma streaming, vanta nel suo cast stelle del calibro di Will Smith e Noomi Rapace.

Continua a leggere “[Film] Bright, di David Ayer”

Pensieri sotto la doccia copertina

“Canto di Natale”: come Dickens ci insegna a diventare felici

Canto di Natale è sicuramente uno dei più famosi classici natalizi di sempre.
Che abbiamo visto un film, un cartone animato, una puntata speciale di una delle nostre serie tv preferite o uno sketch televisivo, è praticamente impossibile non conoscere il vecchio Scrooge e la sua avventura con i fantasmi del Natale passato, presente e futuro.

 Io comunque consiglio sempre di leggere il romanzo originale; del resto, si tratta di un libricino di appena 100 pagine, che si leggono in una giornata al massimo. Charles Dickens lo scrisse in sole sei settimane, spinto da necessità economiche, eppure in sole 100 pagine è riuscito a condensare un’opera che riesce a essere contemporaneamente fiaba, racconto morale e critica sociale.

09 Canto di Natale 1

Continua a leggere ““Canto di Natale”: come Dickens ci insegna a diventare felici”